Turn on Javascript in your browser settings to better experience this site.

Don't show this message again

This site uses cookies. By continuing to browse the site you are agreeing to our use of cookies. Find out more

ESG: la tavola degli elementi

ESG: la tavola
degli elementi

La chimica, a differenza di altre scienze, prese vita in origine da illusioni e superstizioni, e all’inizio era considerata al pari della magia e dell’astrologia.

Thomas Thomson, chimico scozzese, 1773-1852

Avvertenza sui rischi

Il valore degli investimenti e il reddito derivante possono diminuire o aumentare e gli investitori potrebbero non recuperare la somma investita.

Fu solamente nel XVI secolo che la chimica cominciò a distinguersi dalla sua forma primitiva, l’alchimia, le cui origini si perdono nella notte dei tempi. In quel secolo, infatti, i chimici iniziarono ad adottare un metodo scientifico per condurre gli esperimenti e dimostrare la validità delle loro teorie. Oggi, la chimica è una branca della scienza fondamentale al pari della fisica, della biologia e di tutte le scienze naturali.

Così come la chimica, anche le tematiche ambientali, sociali e di governance, riassunte nell’acronimo ESG (Environmental, Social and Governance) fanno parte del pensiero collettivo da millenni. Se la chimica comprende lo studio degli elementi che compongono la materia, i criteri ESG studiano i rischi materiali e le opportunità che caratterizzano i potenziali investimenti. Ma come si possono definire i principi ESG? E in che misura l’identificazione dei rischi tangibili di tipo ESG, insieme ad altri rischi come quelli finanziari, contribuisce al conseguimento degli obiettivi di investimento di lungo periodo?

È giunto il momento di mettere da parte chimere e superstizioni per concentrarsi sulle modalità molto concrete attraverso cui gli investimenti ESG possono veramente aiutare investitori, asset manager e singole società ad allineare i rispettivi interessi al fine di ottenere un portafoglio migliore e, in ultima analisi, un mondo migliore. Imparando a conoscere gli elementi ESG, si arriverà a capire cosa li differenzia da altre forme di stewardship, a conoscere i trend che portano all’adozione di tali criteri nelle strategie di investimento e a distinguere quali caratteristiche occorre ricercare in un gestore che operi nel rispetto di tali principi.

Capitolo 1

La struttura molecolare:
cosa sono (e cosa non sono)
gli investimenti ESG

Prima di tutto le basi: come si definisce un investimento ESG?

Gli investimenti che incorporano i criteri ESG cercano di mitigare tre tipologie principali di rischio:

Ambientale. I fattori ambientali riguardano il modo in cui una società intende operare rispetto alla salvaguardia dell’ambiente e alla sostenibilità. I rischi e le opportunità legati all’ambiente comprendono il consumo di energia da parte di un’azienda, lo smaltimento dei rifiuti, lo sfruttamento del territorio, l’impronta di carbonio, per citare solo alcuni dei principali fattori.

Sociale. I fattori sociali comprendono il rapporto di un’azienda con i propri dipendenti e con i fornitori. Tra i rischi e le opportunità ci sono tra l’altro, ma non solo, le iniziative della società nei confronti della salute e del benessere dei propri dipendenti e il rispetto dei valori aziendali nel rapporto coi fornitori.

Governance. I fattori pertinenti alla corporate governance riguardano soprattutto il processo decisionale dell’azienda, l’indipendenza dei membri del consiglio d’amministrazione, il trattamento degli azionisti di minoranza, i criteri remunerativi degli amministratori e i contributi politici.

La valutazione dei rischi di investimento collegati ai fattori ESG non va confusa con la categoria degli investimenti socialmente responsabili o SRI.

Queste ampie categorie rappresentano solo un punto di partenza per una valutazione più approfondita dei rischi ESG; tuttavia forniscono informazioni importanti sui valori e sulle procedure adottati da una società, oltre che su una serie di potenziali rischi che andrebbero identificati e gestiti prima di investire.

Cosa non sono gli investimenti ESG

La valutazione dei rischi di investimento collegati ai fattori ESG non va confusa con la categoria degli investimenti socialmente responsabili (Socially Responsible Investing o SRI). Ciò che accomuna l’adozione di criteri SRI ed ESG è l’obiettivo di affrontare una serie di problematiche ambientali, sociali e di governance che riguardano, per esempio, i diritti umani, il cambiamento climatico o l’etica professionale, tuttavia i due approcci differiscono nel modo in cui i principi che promuovono vengono applicati a un portafoglio di investimento. In generale, gli investimenti socialmente responsabili riguardano temi molto ampi o la valutazione di requisiti richiesti dal cliente stesso che vengono imposti a priori nel portafoglio. I gestori cercano di evitare le società “cattive”, che non rispettano determinati criteri, per formare un portafoglio corretto dal punto di vista morale.

Gli investitori possono per esempio voler evitare di includere nel portafoglio determinati prodotti o attività, come il tabacco o la produzione di armi. I filtri SRI applicati in tal senso consentono di escludere queste tipologie di investimento. Inoltre, i criteri SRI possono anche essere utili per creare dei ranking tra settori o tipologie d’investimento, privilegiando per esempio le società a bassa impronta di carbonio. I fondi che applicano filtri SRI fissano dei criteri che i gestori devono rispettare nell’ambito dei contratti di gestione degli investimenti.

Queste tecniche accompagnano gli investitori nel loro viaggio verso investimenti più responsabili, tuttavia non integrano tutti i criteri ESG nell’intera strategia di investimento. La scelta di temi morali generici da rispettare o di tipologie di investimento da evitare non esaurisce l’insieme delle problematiche che i gestori si trovano ad affrontare quando integrano i criteri ESG in modo olistico nella filosofia e nel processo di investimento. Un approccio ESG integrato dovrebbe esaminare i rischi e le opportunità concreti e tangibili di una società relativamente alle tematiche ambientali, sociali e di governance. I risultati di questa analisi, valutati insieme ai rischi finanziari, vanno a delineare un’idea più precisa e completa del valore di un investimento.

Capitolo 2

Proprietà degli elementi:
perché i criteri ESG sono importanti

Per arrivare alla risposta, la questione va affrontata da diversi punti di vista: quello di un investitore, di un asset manager e di una società.

Investitore: Dal punto di vista degli investitori, nell’ultimo decennio, i fattori ESG sono passati da essere considerati un elemento accessoriale a una componente fondamentale del processo decisionale. Si può attribuire questo cambiamento a diversi trend. Innanzi tutto è aumentata la consapevolezza riguardo al cambiamento climatico e in generale all’impatto che esercita l’uomo sull’ambiente, anche a seguito del susseguirsi di eventi climatici catastrofici di questi ultimi anni. Inoltre, le dinamiche demografiche stanno cambiando la base degli investitori globali, includendo sempre più donne e millennials interessati a tematiche sociali e di stewardship. Infine, recenti ricerche hanno evidenziato che tener conto dei rischi ESG durante il processo di investimento può contribuire a generare un flusso di rendimento di alta qualità che tende a diventare ancora più stabile nel lungo periodo. Intuitivamente questo approccio ha senso poiché spinge a un’analisi più approfondita delle potenziali opportunità di investimento.

Per questo gli investitori istituzionali tengono sempre più in considerazione i criteri ESG. Secondo un recente sondaggio di State Street Global Advisors condotto tra questa categoria di investitori, l’80% delle istituzioni considerate prevede ad oggi una componente ESG nelle proprie strategie di investimento e oltre i 2/3 degli intervistati ritiene che l’integrazione dei criteri ESG abbia decisamente portato beneficio ai propri rendimenti. 1 Secondo un sondaggio condotto da BNP Paribas Securities Services, la metà degli investitori istituzionali intervistati ha dichiarato di aver investito meno del 25% del patrimonio in strategie specificatamente ESG, affermando però di avere intenzione di portare la percentuale investita al 50% o più nei prossimi due anni. I gestori stanno rispondendo a questo incremento della domanda di prodotti ESG. Sull’80% degli asset manager che incorpora criteri ESG nel proprio processo, solo il 40% commercializza il 25% o meno dei propri fondi come conformi ai criteri ESG o SRI, ma oltre la metà (54%) ha dichiarato che nel giro di due anni intende commercializzare il 50% o più dei propri fondi come prodotti ESG conformi.2

Per gli investitori retail, il crescente interesse per gli investimenti ESG, unitamente all’importanza attribuita al dovere fiduciario, ha portato a un maggiore utilizzo delle strategie di investimento responsabile, nonché all’introduzione dei criteri ESG. Molti investitori privati danno sempre più importanza all’impatto dei propri investimenti sull’ambiente. Da un sondaggio del 2015 di Morgan Stanley è emerso che il 71% degli investitori privati ha espresso interesse per gli investimenti sostenibili e che il 65% si aspetta che gli investimenti sostenibili si diffondano ulteriormente nei prossimi cinque anni. Al contempo, i consulenti finanziari stanno prendendo in seria considerazione l’interesse dei clienti per gli investimenti responsabili e le tematiche ESG. Un sondaggio della SRI Conference del 2015 sull’opinione dei professionisti finanziari ha evidenziato che il 73% dei consulenti ritiene che il segmento dell’impact investing diventerà una parte “più consistente” o “molto più consistente” della loro attività nei prossimi cinque anni.3

Integrando i principi ESG in un approccio olistico e fondamentale, gli asset manager possono esprimere una valutazione più accurata dell’asset in cui investono.

Asset manager: La gestione del rischio sta diventando una componente sempre più importante per gli asset manager poiché i rischi evolvono con l’evolvere dei mercati. Tenendo in considerazione le tematiche ESG quando si prendono decisioni di investimento, i gestori possono comprendere appieno i rischi e le opportunità correlati a una società o a un titolo. Tutti questi rischi, compresi quelli relativi alla sicurezza informatica, alla catena di distribuzione, ai cambiamenti normativi e all’impatto ambientale, dovrebbero essere parte integrante dell’analisi di investimento. Il riconoscimento dei vantaggi specifici e dei possibili rischi, in positivo o in negativo, deve diventare una componente fondamentale del processo di investimento. La comprensione dei rischi di rilievo correlati ai principi ESG contribuisce ad avere una visione completa di ogni potenziale posizione candidata a entrare in portafoglio.

Secondo la visione comune, l’analisi ESG è collegata a considerazioni non finanziarie, ma questa visione rischia di sottostimare l‘importanza dei fattori ESG, fondamentali sia per conoscere la salute finanziaria di una società che per comprenderne i dati di bilancio, anche se non nel brevissimo termine. Infatti, se un rischio ascrivibile all’universo ESG si manifesta nel medio o lungo periodo avrà presto un impatto significativo sulla condizione finanziaria dell’impresa e sulla sua capacità di generare rendimento per gli investitori.

Integrando i principi ESG in un approccio olistico e fondamentale, gli asset manager possono esprimere una valutazione più accurata dell’asset in cui investono. Questo serve anche a evitare di pagare un prezzo eccessivo. Inoltre se i gestori comprendono le tematiche rilevanti collegate a un investimento, possono determinare il peso più adeguato che deve avere in portafoglio. Infine, la piena integrazione dei criteri ESG nel processo di investimento aiuta gli investitori a intervenire sulle questioni che possono avere un impatto rilevante sull’attività di una società, per esempio aiutando a controllare il rischio di perdita, ovvero il rischio che un investimento perda valore poiché aumenta un rischio chiave per l’attività aziendale.

Società: A seguito del maggiore impegno nei confronti delle tematiche ESG e degli investimenti responsabili da parte degli investitori e degli asset manager, le società stanno cambiando le loro pratiche di rendicontazione per riflettere meglio l’interesse verso la sostenibilità e altre tematiche ESG. Secondo una recente tavola rotonda promossa da Pensions & Investments, cinque anni fa meno del 25% delle principali 500 società globali redigeva un rapporto sulla sostenibilità. In base ai dati del 2017, oltre l’80% di queste società oggi redige un rapporto di questo tipo. 4 La figura seguente mostra il crescente utilizzo della reportistica ESG nell’indice MSCI ACWI.

Focus sugli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals) dell’indice MSCI ACWI al 31 dicembre 2016

  • ACWI constituents with >20% revenue from Basic Needs plus sustainability and SDG reporting
  • ACWI constituents with >20% revenue from Basic Needs plus sustainability reporting
  • ACWI constituents with >20% revenue from Basic Needs
Fonte: MSCI ESG Research, dicembre 2016.

Eppure, limitarsi a rendere conto delle prassi di sostenibilità non è più sufficiente. I rischi ESG sono importanti tanto quanto i rischi finanziari e devono pertanto ricevere la stessa attenzione. Le società devono riferire in merito ai rischi e alle opportunità ESG, nonché alle modalità con cui intendono affrontarli. Alcune aziende hanno adottato le migliori prassi in questo campo, mentre altre continuano a relegare queste informazioni nei report sulla sostenibilità o sulla Corporate Social Responsibility (CSR) dove vengono facilmente ignorate.

C’è però motivo di essere fiduciosi in un miglioramento nel tempo. Diversi enti internazionali, come la Global Reporting Initiative (GRI) e il Sustainable Accounting Standards Board (SASB), stanno promuovendo la definizione di standard globali per la valutazione dei rischi ESG. Si tratta comunque di un processo ancora in corso.

Infine, le società ricevono sempre più supporto dai rispettivi consigli d’amministrazione sulle tematiche ESG. Secondo i dati di Institutional Shareholder Services, il 33% delle società comprese nell’indice S&P 500 ha almeno un amministratore con esperienza negli investimenti socialmente responsabili o nella responsabilità sociale aziendale. 5 Quando un cambiamento di questo tipo avviene ai vertici della piramide aziendale è più probabile che incoraggi al rispetto di obiettivi conformi ai principi ESG.


1 “ESG Institutional Investor Survey: Performing for the Future”, State Street Global Advisors, 2017.
2 Fonte: BNP Paribas Securities Services, maggio 2017.
3Retail Investors: Rising Interest and Opportunity in Impact Investing.” TriLinc Global, 2015.
4Not Your Parent’s ESG”, Pensions & Investments, maggio 2017.
5 Skroupa, Christopher P. “Company Valuation -- How ESG Integration Is The Future Standard”, Forbes, 12 luglio 2017.

L’evoluzione dei parametri ESG

Capitolo 3

Distillazione e purificazione:
separare i criteri ESG da altri tipi
di investimento sostenibile

È facile perdersi nella miriade di termini e tipologie di investimento collegati al concetto di stewardship. SRI, ESG, impact investing o semplicemente investimenti green: sono formule che ci aiutano a definire ciascuno di questi approcci e le loro differenze. Per approfondire, ecco il significato dei termini più comuni.

ESG: l’integrazione dei criteri ESG nel processo di investimento comprende la valutazione dei rischi e delle opportunità materiali che derivano dall’impatto ambientale, sociale e di governance di un’azienda, nonché dal modo in cui vengono gestiti questi possibili rischi. I fattori ESG sono tanto importanti quanto gli aspetti finanziari quando si tratta di definire la qualità di una società e il valore effettivo di un asset. Questi fattori possono influire in misura rilevante sull’utile di un’azienda e avere implicazioni significative per la gestione del rischio e il potenziale di generazione di alpha.

Ci sono molteplici tipologie di stewardship, ognuna con sfumature e finalità specifiche.

Stewardship: la stewardship riguarda l’insieme di iniziative compiute nel rispetto di un’ampia scala di valori. Ad esempio, per un investitore significa decidere come investire i propri fondi, come definire l’asset allocation, come costruire il portafoglio e stabilire il periodo di detenzione adeguato. Dal punto di vista societario, può significare fare la cosa giusta per dipendenti e azionisti. Le tematiche correlate alla stewardship, ovvero una buona governance, cultura, prassi fiscale, innovazione, diversity, standard lavorativi, sicurezza informatica, cambiamento climatico, abuso di potere e corruzione, hanno rilevanza diversa ma comportano sfide e opportunità da affrontare.

SRI: l’acronimo SRI fa riferimento agli investimenti socialmente responsabili o agli investimenti responsabili e sostenibili. Questo tipo di investimenti può comportare l’uso di filtri negativi per evitare di impiegare denaro in società o settori controversi, come quello della produzione di alcolici, del tabacco o delle armi, oppure può far riferimento a temi di investimento più generici. Ma la cosa più importante da ricordare del segmento SRI è che spesso partono da una richiesta del cliente e non sono parte integrante del processo d’investimento.

Investimenti green: gli investimenti green si riferiscono a investimenti che vanno a vantaggio dell’ambiente. La diffusione dei green bond per raccogliere fondi da destinare alle energie rinnovabili, alla conservazione delle risorse naturali o ad altri progetti di tutela dell’ambiente rappresenta solo uno degli strumenti volti ad attirare nuovi segmenti verso questa asset class.

Impact investing: il segmento dell’impact investing viene scelto non solo per il rendimento potenziale, ma anche per la capacità di produrre un impatto sociale e ambientale misurabile nell’ambito della strategia aziendale. Si basa sull’idea che il denaro e le risorse dovrebbero essere indirizzati verso le società che cercano attivamente soluzioni a tematiche ambientali e problemi sociali. L’energia rinnovabile o l’edilizia sociale sono solo alcuni dei settori che rientrano in questa tipologia di investimento.

Ci sono molteplici tipologie di stewardship, ognuna con sfumature e finalità specifiche. Gli investitori ne dovrebbero essere consapevoli quando selezionano un approccio.

Capitolo 4

Reazione a catena: l’ascesa
della stewardship
in tre grafici

Crescita degli investimenti sostenibili negli Stati Uniti ($/mld), 2005-2016

  • Overlapping strategies
  • Shareholder resolutions
  • ESG Incorporation
Fonte: US SIF Foundation, 2016.

La crescita del patrimonio gestito da operatori del risparmio che incorpora criteri ESG ($/mld) 2012-2016

Fonte: US SIF Foundation, 2016.

L’interesse degli investitori per le tematiche ESG è enormemente cresciuto negli ultimi anni.

Investimenti socialmente responsabili (SRI) globali per regione

Fonte: Global Sustainable Investment Review 2016.
Capitolo 5

Verifica dell’ipotesi:
in che modo i criteri ESG influiscono
sulle performance

In che modo tutto ciò si riflette nelle performance? La buona notizia è che numerosi studi condotti negli ultimi anni hanno dimostrato una correlazione positiva tra l’applicazione dei criteri ESG e il rendimento di un investimento. Ecco qualche esempio:

Numerosi studi condotti negli ultimi anni hanno dimostrato una correlazione positiva tra l’applicazione dei criteri ESG e il rendimento di un investimento.

  • Uno studio del 2011 di Alex Edmans, pubblicato su The Journal of Financial Economics, esaminava la performance di un portafoglio ponderato per il valore delle 100 migliori società per cui lavorare in America; concluse che le società con una soddisfazione dei dipendenti oltre la media producevano un rendimento molto più positivo, nonché qualche sorpresa sul fronte degli utili.
  • Uno studio sul rapporto tra i criteri ESG e il reddito fisso corporate nel 2016 di MIT Sloan School of Management e Breckenridge Capital Advisors ha dimostrato che i fattori ESG presentano una correlazione positiva con gli indicatori di salute finanziaria, tra cui il rischio, il rendimento degli investimenti e l’indice di indebitamento. Inoltre, i risultati positivi sono stati ancora più evidenti nelle fasi di agitazione dei mercati.
  • Gunnar Friede, Timo Busch e Alexander Bassen nel 2015 hanno esaminato oltre 2.000 studi empirici a partire dagli anni ’70 a hanno di recente pubblicato i risultati su The Journal of Sustainable Finance & Investment, studiando il rapporto tra i criteri ESG e la performance finanziaria delle imprese (CFP). Lo studio ha rilevato che il rapporto tra criteri ESG e la performance finanziaria non risulta negativo nel 90% dei casi e che la maggior parte degli studi riporta risultati positivi.

Si tratta solo di alcuni degli studi recenti a sostegno degli investimenti conformi ai criteri ESG. Pur non essendoci alcuna garanzia di ottenere performance superiori, sembra sensato che fare la cosa giusta, non solo per gli utili dell’azienda ma anche per i dipendenti, gli azionisti e l’ambiente, produca una forza lavoro più coinvolta, rischi più contenuti e, in ultima analisi, investitori più soddisfatti. Quando questi elementi si combinano, le buone intenzioni sembrano rafforzare anche i risultati positivi della società. E tutte queste sono buone notizie per gli investitori.

Capitolo 6

Bilanciare l’equazione:
come misurare i fattori ESG

Esaminata la scienza che sta dietro alla crescita dei fattori ESG, come per ogni altro esperimento scientifico che si rispetti, occorre anche essere in grado di misurare l’impegno nei confronti di questi criteri da parte di un asset manager, di una società o all’interno di un portafoglio. Ci sono molti modi per affrontare la questione, alcuni qualitativi, altri più quantitativi.

Uno dei modi in cui i gestori possono dimostrare in maniera tangibile la loro adesione ai parametri ESG è di firmare i Principi di investimento responsabile (Principles for Responsible Investing o PRI) delle Nazioni Unite. I PRI comprendono sei iniziative:

  • Incorporare le tematiche ESG nell’analisi degli investimenti e nei processi decisionali.
  • Agire in qualità di proprietari attivi e inserire le tematiche ESG nelle politiche e nelle procedure legate all’azionariato.
  • Chiedere adeguata trasparenza sulle tematiche ESG da parte dei soggetti in cui si investe.
  • Promuovere l'accettazione e l'applicazione dei PRI in tutta l’industria degli investimenti.
  • Collaborare per incrementare collettivamente l’efficacia e l’adozione dei PRI.
  • Comunicare l’attività e i progressi fatti nell’applicazione dei PRI.

I PRI continuano a promuovere gli investimenti ESG su scala mondiale. Al momento si sta anche lavorando per definire le linee guida degli investimenti ESG nell’ambito degli strumenti alternativi, collaborando con il CFA Institute a uno studio sulle attitudini degli investitori rispetto alle tematiche ambientali, sociali e di governance.

L’adozione dei PRI è in costante aumento

  • Number of signatories
  • Number of asset owners
  • Total assets under management
  • Asset owners' assets under management
Fonte: PRI Brochure, 2016.

Inoltre, società come Bloomberg, Dow Jones, FTSE Russell, MSCI e Thomson Reuters hanno sviluppato degli indici per aiutare gli investitori a valutare in che misura gli investimenti in portafoglio sono conformi ai criteri ESG. Ciascun indice comprende fattori diversi e uno specifico metodo di classificazione per includere o escludere le società; tuttavia la maggior parte si concentra sulla stewardship ambientale e sulla promozione di una buona corporate governance e di prassi di lavoro eque. Per quanto possa essere utile per gli investitori consultare un benchmark di riferimento, gli indici di questo tipo sono più strettamente correlati agli investimenti SRI che ai fattori ESG, poiché comprendono specifici criteri che devono essere rispettati per entrare a far parte del parametro.

Alcune società hanno iniziato a pubblicare rating di sostenibilità per aiutare gli investitori a misurare il successo relativo delle loro strategie ESG rispetto a un indice di riferimento con obiettivi analoghi. Per esempio, Morningstar ha attivato una partnership con Sustainalytics per attribuire un punteggio di sostenibilità ai fondi comuni e ad altri strumenti di investimento che si concentrano su diversi aspetti della stewardship. Tuttavia, come per gli indici ESG, tali punteggi attribuiscono molta importanza a determinati prerequisiti e si adattano meglio agli investimenti SRI che a quelli ESG.

Certamente i benchmark e i rating sono utili come punto di partenza per discutere delle tematiche ESG nel mercato degli investimenti; questi punteggi vanno però inseriti nel giusto contesto. Ciascun fornitore avrà una sua definizione di investimenti responsabili o ESG, e non è sempre opportuno fare confronti tra le diverse misure. Gli investitori devono comprendere pienamente le metodologie alla base di tali confronti per evitare di dare un’interpretazione erronea ai risultati. Altri fattori a cui prestare attenzione sono:

Gli investitori dovrebbero tener presente che un approccio qualitativo, anziché basato su indici e rating, è in grado di produrre una valutazione più accurata.

Difficoltà di aggregazione degli ESG: le tematiche ESG sono complesse, comprendono un numero elevato di questioni importanti, dalla gestione della catena di distribuzione, all’emissione di gas a effetto serra, fino alla sicurezza dei dati, per citarne solo alcune. La maggior parte delle problematiche non rientra univocamente in una questione ambientale o sociale, bensì tocca più aspetti dei criteri ESG. I tentativi di quantificare tutte queste tematiche così sfaccettate con un punteggio sono certamente utili, ma in ultima analisi imperfetti e incoerenti. Inoltre, le definizioni restano diverse a seconda dei settori, sia da parte delle case di investimento che di fornitori terzi di ricerca.

Errata interpretazione e i differenti approcci di rating: gli indicatori utilizzati per calcolare i punteggi da attribuire ai fondi possono misurare l’esposizione a importanti tematiche ESG attraverso una valutazione delle posizioni sottostanti; tuttavia la somma di tali punteggi non riflette necessariamente la strategia o l’intenzione di un fondo. Per esempio, un fund manager che dà priorità al coinvolgimento nelle decisioni aziendali per affrontare i rischi ESG può risultare ingiustamente penalizzato nel processo di attribuzione del punteggio. Approcci e metodi contrastanti possono inoltre portare a conclusioni assai diverse. Imparare a conoscere i metodi utilizzati per la definizione del rating può servire agli investitori per identificare meglio il valore dei punteggi attribuiti a un fondo.

Soglie di copertura dei fondi: per la copertura delle posizioni di un fondo basta che sia stato attribuito un punteggio a una parte degli investimenti del fondo al fine dell’assegnazione di un punteggio ESG complessivo. In genere, tale soglia è del 50-60% circa del patrimonio in gestione di un portafoglio. Questo significa che ci si può trovare di fronte a uno scenario in cui un fondo dove solamente la metà delle posizioni è stata sottoposta a punteggio viene confrontato con un fondo dove tutte le posizioni hanno ricevuto un punteggio. Inoltre, questa soglia non tiene conto del peso del titolo in portafoglio. Ciò crea inevitabili complicazioni nella metodologia di attribuzione del punteggio.

Soggettività nella valutazione delle controversie: Morningstar, nel calcolo del punteggio complessivo del portafoglio, tiene conto dell’indicatore delle “controversie” aziendali, ovvero incidenti con impatto ambientale o sociale che rappresentano un rischio per l’azienda. Analogamente, al fondo si applica un distinto punteggio relativo alle controversie a livello del portafoglio. C’è però una grossa componente di soggettività da parte del ricercatore nella scelta delle controversie da considerare e del loro grado di rischio.

Variabilità degli indicatori ESG utilizzati dalle società: la mancanza di uniformità nella rendicontazione dei fattori ESG su scala globale implica che ci siano inevitabili differenze negli indicatori pubblicati dalle società. Questo genera incoerenze nella divulgazione delle informazioni e difficoltà nei confronti.

Infine, gli investitori dovrebbero tener presente che un approccio qualitativo, anziché basato su indici e rating, dovrebbe produrre una valutazione più accurata. Gli investitori possono approfondire l’argomento leggendo i rapporti aziendali che spesso trattano dei rischi e delle opportunità ESG. Il coinvolgimento con il management team di una società o con un asset manager prima di fare un investimento è ancora più efficace poiché dovrebbe dare un’idea perfino più precisa degli sforzi fatti per contenere i rischi ESG. Una volta fatto l’investimento, le comunicazioni regolari con asset manager e aziende possono facilitare l’applicazione di procedure più sostenibili.

Capitolo 7

Esperimenti audaci:
i criteri ESG nei mercati emergenti

I mercati emergenti forse non sono il primo ambito di applicazione a cui gli investitori pensano quando si parla di tematiche ambientali, sociali e di governance. Alcune delle principali economie emergenti sono tra i peggiori inquinatori ambientali e restano indietro rispetto ai mercati sviluppati in tema di corporate governance. Ma le cose stanno cambiando poiché le economie emergenti si sono rese conto del crescente interesse degli investitori per le tematiche ESG.

L’aumento della domanda di soluzioni di investimento ESG in tutto il mondo ha spinto alcune delle grandi economie emergenti ad affrontare i propri limiti su questo tema.

L’aumento della domanda di soluzioni di investimento ESG in tutto il mondo ha spinto alcune delle grandi economie emergenti ad affrontare i propri limiti su questo tema. Nazioni come l’India e la Cina stanno cercando di migliorare la loro sostenibilità ambientale e questo si riflette nell’impegno preso con l’Accordo di Parigi. Dato che i paesi emergenti e le società che operano in queste economie stanno acquistando credibilità nelle tematiche ESG, aumenta il potenziale di scovare nuove e interessanti opportunità di investimento.

La Cina ha fatto grandi passi avanti verso le fonti di energia rinnovabile, con la creazione di milioni di posti di lavoro nel settore dell’energia pulita e con la costruzione di centrali eoliche e di impianti a energia solare. Il paese si posiziona al primo posto al mondo per la creazione di posti di lavoro nell’ambito delle energie rinnovabili ed è responsabile della costruzione di due terzi dei pannelli solari a livello mondiale, nonché della metà delle turbine eoliche. Inoltre, la Cina è il principale mercato al mondo di veicoli elettrici e le autorità politiche stanno persino valutando la possibilità di proibire la produzione di veicoli a benzina o diesel. I produttori locali di batterie ricaricabili ricevono sussidi dal governo per promuovere i marchi nazionali rispetto ai produttori stranieri. Anche se la Cina è ancora il paese più inquinante al mondo, la portata degli impegni nell’energia rinnovabile dimostra che c’è ancora speranza per un mondo più pulito in futuro.

Capacità eolica e solare istallata della Cina, 2000-2020

  • Hydropower
  • Wind
  • Solar
  • Investment in clean energy, excl. large hydro (RHS)
Fonte: China Water Risk basato su CEC, NEA, BNEF.

Analogamente, anche in India l’uso di carburanti fossili viene ridotto a favore di nuovi investimenti nell’energia solare. L’anno scorso l’India ha svelato la più grande centrale solare al mondo e ha installato il quarto impianto solare per capacità dopo la Cina, gli Stati Uniti e il Giappone. C’è un progetto per alimentare completamente attraverso energia solare ed eolica tutti i 12 porti indiani nei prossimi anni. Se avesse successo, l’India diventerebbe il primo paese al mondo dove tutti i porti statali sono gestiti con energia rinnovabile. In questo momento, il paese è al 7° posto a livello globale per capacità di energia solare, mentre non era neppure in classifica fino a pochi anni fa.

Gli obiettivi dell’India nel campo dell’energia solare (su base annua)

Notes: FY = All years in chart are fiscal year from April 1 to March 31; GW = 1,000 MW
Sources: Bloomberg New Energy Finance (BNEF); The Economic Times; Fonte: World Resources Institute, maggio 2016.

Un’altra area in cui i mercati emergenti stanno facendo passi avanti è la corporate governance. Anche se i progressi finora sono stati lenti, col tempo si dovrebbero diffondere standard di governance più elevati con l’afflusso su questi mercati del denaro degli investitori internazionali, in particolare delle istituzioni che intendono aumentare il grado di applicazione dei criteri ESG nei loro portafogli. Con l’inserimento di un numero maggiore di società nell’indice MSCI Emerging Markets e in altri indici concentrati sui mercati emergenti, aumenterà anche l’esigenza di migliorare la corporate governance per attirare l’interesse degli investitori internazionali. Tutti questi fattori promettono bene per gli investitori ESG che si rivolgono ai mercati emergenti in cerca di crescita e diversificazione.

Capitolo 8

I progressi della ricerca:
l’integrazione dei criteri ESG
nelle strategie di gestione attiva

I gestori attivi hanno la libertà e la flessibilità di integrare completamente i parametri ESG nelle loro strategie di investimento, aiutando gli investitori a raggiungere gli obiettivi sia di investimento che di stewardship.

Molti gestori attivi hanno iniziato a prendere in considerazione i principi SRI nel processo di investimento. Ma la questione resta aperta a molteplici interpretazioni, dunque è fondamentale per gli investitori imparare a conoscere le idee degli asset manager sugli investimenti responsabili, sui criteri ESG e sulle modalità con cui vengono integrati nella gestione dei portafogli. Si può spaziare dal seguire una serie di temi top-down, a evitare determinati settori o industrie, fino a utilizzare gli indici ESG o i punteggi di sostenibilità per una misurazione quantitativa della performance del portafoglio rispetto ai risultati attesi. Ciascun gestore ha la sua filosofia su come valutare al meglio tali fattori. Gli investitori devono capire bene queste metodologie per valutarne il possibile impatto sui portafogli.

Un approccio ESG integrato però, a differenza di quello più di ampio raggio degli investimenti responsabili, offre una diversa prospettiva. Anziché considerare i rating attribuiti da terze parti o un vago insieme di caratteristiche di tipo morale o valoriale, gli investimenti ESG comportano un maggiore approfondimento sui rischi e sulle opportunità ambientali, sociali e di governance che possono influire direttamente su un’azienda. Questa valutazione esprime il vero valore di un asset tanto quanto quella del rischio finanziario. Per questo tipo di approccio ESG serve un team che conosca approfonditamente queste tipologie di rischio, che abbia le risorse per identificarle e che si impegni a collaborare con le società per trovare il modo di contenerle.

Una delle responsabilità più importanti di un gestore attivo è quella di impegnarsi veramente nella relazione con le società in cui investe.

Tenere in giusta considerazione le tematiche ESG nell’ambito di una strategia a gestione attiva ha molteplici vantaggi. La selezione delle società in cui investire che presentino una corporate governance robusta, attraverso la trasparenza delle comunicazioni e procedure contabili conservative, può contenere gli scandali finanziari e ridurre il rischio di portafoglio. L’impegno per il benessere dei dipendenti e l’adesione a prassi di lavoro eque possono tradursi in una forza lavoro più felice e più produttiva. Inoltre, l’impegno per l’adozione di procedure sostenibili allo scopo di proteggere l’ambiente può migliorare la percezione del marchio, fidelizzare il cliente e proteggere da catastrofi ambientali che possono danneggiare intere comunità ma anche avere ripercussioni sull’azienda in termini sia giuridici che di reputazione. Questi benefici si possono ottenere con tutti i tipi di investimento, tradizionali e non.

L’integrazione olistica dei criteri ESG nel processo di gestione attiva in genere comporta le seguenti fasi:

  • Comprendere le problematiche e i rischi di rilievo di una società.
  • Definire una visione a 360° dei punti di forza e di debolezza di una società.
  • Elaborare un'immagine accurata dell'attività in modo da promuovere l'impegno della società.
  • Riconoscere i rischi più pressanti per una determinata impresa, valutandone il possibile impatto sul portafoglio e identificando i rischi gestibili.
  • Promuovere un rapporto produttivo con una possibile posizione in portafoglio attraverso un impegno continuo e approfondito con il management aziendale.

VIDEO   2:04

Una dimostrazione pratica dell’approccio ESG

Una delle responsabilità più importanti di un gestore attivo è quella di impegnarsi veramente nella relazione con le società in cui investe. Coltivando una comunicazione trasparente con il management aziendale in merito a determinati rischi e tematiche si può contribuire a indirizzare la società nella giusta direzione, consentendo all’asset manager di ricoprire un ruolo importante per promuovere i veri valori che desidera incoraggiare nei propri investimenti. Un impegno ininterrotto può aiutare i gestori a valutare, in modo continuativo, le società e i team direttivi di maggiore qualità.

L’impegno al coinvolgimento deve essere ininterrotto, in quanto è fondamentale per comprendere i valori e il business model di un’azienda. Gli investitori a lungo termine devono sentirsi a loro agio nei rapporti col management aziendale, poiché un rapporto di questo tipo può conferire valore aggiunto nel lungo periodo. Tale coinvolgimento può alleviare i timori dei manager oppure portare alla luce eventuali rischi aggiuntivi. Il cambiamento positivo di una società può richiedere tempo e perseveranza, ma i gestori con un’ottica di lungo periodo devono perseguire con diligenza le opportunità che possono produrre un impatto positivo sulle società che possiedono.

Sebbene un approccio olistico e il coinvolgimento costante dovrebbero consentire a un asset manager di avere una visione molto dettagliata delle posizioni in portafoglio, non sono criteri infallibili. Il gestore deve anche possedere le competenze, l'intelligenza e la capacità di ricerca necessarie per scovare le opportunità di generare alpha. Gli investitori dovrebbero sentirsi liberi di indagare sul modo in cui vengono adottati i criteri ESG nelle strategie e il loro ruolo nella generazione del rendimento del portafoglio.

Capitolo 9

Guardare avanti:
il futuro degli
investimenti ESG

L’approccio ESG ha ormai preso il suo spazio nel mondo degli investimenti. Tuttavia, per coloro che intendono fare veramente la differenza attraverso l’impiego dei propri capitali, c’è ancora molto da fare. Ecco alcuni trend che plasmeranno il futuro degli investimenti ESG:

  • Più trasparenza nelle comunicazioni. Gli investitori si aspettano sempre più frequentemente che le società e i gestori riferiscano in merito a fattori rilevanti in materia ambientale, sociale e di governance. La sfida oggi consiste nel presentare tali informazioni in un formato standardizzato e comprensibile. Il Sustainability Accounting Standards Board (SASB) ha partecipato alla redazione di linee guida sulla divulgazione dei rischi rilevanti e sta lottando per far inserire queste comunicazioni nei bilanci annuali e nei documenti delle offerte pubbliche iniziali.
  • Più manager dedicati alla ricerca ESG. Gli investimenti ESG dovrebbero continuare a guadagnare popolarità; pertanto chi desidera presentarsi come una voce competente e di rilievo nel panorama ESG assumerà sempre più professionisti dedicati alla ricerca e specializzati negli investimenti responsabili. Potremmo anche assistere alla definizione di credenziali specifiche per gli investimenti ESG che fungano da standard di settore.
  • Espansione verso gli investimenti alternativi. Alcuni asset manager specializzati in investimenti alternativi integrano già i criteri ESG nel loro processo, ma è una tendenza destinata ad ampliarsi in linea con la domanda da parte degli investitori. Come gli asset manager tradizionali, anche i gestori alternativi dovranno definire le migliori pratiche che incorporino i criteri ESG nel processo di investimento. In tal senso, la trasparenza sarà certamente una sfida, dato che si tratta principalmente di società private che non hanno l’obbligo di produrre resoconti dettagliati sulle loro strategie. Tuttavia, il crescente desiderio degli investitori di comprendere meglio in che modo i loro portafogli promuovono i criteri ESG potrebbe spingere i gestori alternativi a distribuire più documentazione in merito.

Come nella chimica, c’è ancora molto da imparare e da scoprire nel campo degli investimenti ESG.

È difficile negare il possibile impatto che potrebbe avere un maggiore orientamento verso i principi ESG sulle strategie di investimento, sulle procedure aziendali e sul mondo delle società in generale se questa tendenza continuasse ad accelerare. E siamo solo all’inizio.

Come nella chimica, c’è ancora molto da imparare e da scoprire nel campo degli investimenti ESG. Diverse società e governi, a livello internazionale, hanno evidenziato la necessità di migliorare le pratiche di stewardship nella gestione delle risorse naturali, umane o di capitale. Gli investitori spingono per questi progressi impiegando il loro denaro nelle aziende che possono migliorare il mondo circostante attraverso soluzioni innovative a molti problemi ambientali e sociali.

Una volta identificati e integrati gli elementi base dei criteri ESG nel processo di investimento, gli investitori e i gestori saranno in grado di partire da tali principi per raggiungere l’obiettivo di allineare la generazione del rendimento con gli investimenti responsabili. Le possibilità che si aprono ai nostri occhi sono infinite. Dal nostro punto di vista, il futuro è certamente luminoso.

 

Image credits

ipm / Alamy Stock Photo
Science Photo Library / Alamy Stock Photo
Kitschstock / Alamy Stock Photo
Phil Degginger / Alamy Stock Photo

 

Informazioni importanti

Le proiezioni sono espresse a titolo di opinione e non riflettono il potenziale di performance. Le proiezioni non sono garantite e gli eventi o i risultati effettivi possono differire in misura sostanziale.

I titoli esteri sono più volatili, il prezzo è più difficile da determinare e sono meno liquidi dei titoli degli Stati Uniti. Sono soggetti a norme e principi contabili differenti nonché a rischi economici e politici. Questi rischi sono ancora più alti nei mercati emergenti.

Le società menzionate sono riportate solamente a scopo informativo e non devono essere interpretate come una raccomandazione a comprare o a vendere alcun titolo.

Gli indici non sono gestiti e sono riportati unicamente a scopo di esempio. Non è possibile investire direttamente in un indice.

Le informazioni MSCI possono essere utilizzate solamente per uso interno, non possono essere riprodotte né ridistribuite in alcuna forma e non possono essere utilizzate come base o componente di strumenti finanziari, prodotti o indici. Le informazioni MSCI non sono intese come un consiglio di investimento o un suggerimento a prendere (o a evitare) una decisione di investimento e non va fatto affidamento su di esse in quanto tali. L’analisi e i dati storici non devono essere considerati come un’indicazione o una garanzia di un’analisi, previsione o stima di rendimento futuro. Le informazioni MSCI vengono fornite “così come sono" e l’utente di tali informazioni si assume l’intero rischio derivante dal loro eventuale utilizzo. MSCI, ciascuna delle sue collegate e ogni altro soggetto coinvolto o collegato alla compilazione, al calcolo o alla predisposizione dei dati MSCI (collettivamente le Parti “MSCI”) non si assumono esplicitamente alcuna garanzia (tra cui a titolo esemplificativo ma non esaustivo qualsivoglia garanzia di originalità, accuratezza, completezza, puntualità, conformità, commerciabilità e idoneità a un determinato scopo) in relazione a tali informazioni. Fatto salvo quanto sopra, in nessun caso le Parti MSCI sono responsabili di danni diretti, indiretti, esemplari (tra cui, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, il mancato guadagno) o di altro tipo (www.msci.com).